Spannolinamento: togliere il pannolino con le mutandine apprendimento
Top Menu

E’ arrivato il momento di togliere il pannolino ad Alice. Abbiamo iniziato nel week end come consigliato dalle educatrici del nido per poi proseguire anche al rientro all’asilo. Devo dire che lo spannolinamento sta procedendo abbastanza bene. Lei è felice di sentirsi grande ma ci vuole pazienza e positività per superare al meglio questo cambiamento importante e delicato.

Essendo arrivata anche la bella stagione e non volendoci privare delle uscite serali, ho pensato di acquistare le mutandine apprendimento. Sono semplicemente una meravigliosa invenzione. Assorbono quanto basta per non far bagnare le gambe e i piedini. Ma lasciano al bimbo la sensazione di bagnato per fargli capire che sarebbe stato meglio avvertire del bisogno di andare in bagno.

Per aiutare le mamme che come me stanno affrontando questo passaggio fondamentale della crescita, ho pensato di raccontarvi l’iter che stiamo seguendo per lo spannolinamento. Alice, la mia prima figlia, ha 2 anni e 8 mesi e a settembre inizierà la scuola materna. L’estate è la stagione perfetta per togliere il pannolino. Anche l’età è giusta perché dopo i due anni i bambini iniziano ad esprimersi in modo articolato.

Alcune mamme riescono a togliere il pannolino anche prima ma noi abbiamo deciso di attendere il momento giusto per Alice. Ne abbiamo parlato molto e ad un certo punto è stata lei a dirci che voleva sedersi sul water. E così abbiamo iniziato lo spannolinamento.

Spannolinamento: passaggi ed organizzazione della giornata

  1. Risveglio: considerato che la notte mettiamo ancora il pannolino, appena svegli e dopo aver bevuto il latte andiamo subito in bagno. Prendiamo dei libri e mettiamo il riduttore sul water. Alice ha preferito il water ad il vasino. Ci vuole un po’ di pazienza ma poi arriva sia la pipì che la pupù.
  2. Preparazione: da quando abbiamo iniziato lo spannolinamento abbiamo anticipato la sveglia di un quarto d’ora per non mettere fretta ad Alice. La preparazione ad uscire è però molto più veloce senza dover mettere il pannolino. Per i primi giorni ho preferito farle indossare solo vestitini così da evitare che in caso di perdite si bagni tutta. Per i maschietti è meglio optare per pantaloncini corti in cotone leggero.
  3. Nido: le maestre mi hanno chiesto tre cambi di mutandine e delle ciabattine di ricambio ma al momento non sono serviti. Il coordinamento maestre – genitori è fondamentale per la buona riuscita dello spannolinamento. Ai bimbi deve arrivare il messaggio chiaro ed univoco che il panolino non ci sarà più.
  4. Casa: circa ogni ora portare il bimbo sul water o sul vasino. Sarà utile distrarlo con qualche libro per evitare che si spazientisca troppo presto. Per il riposino pomeridiano abbiamo scelto di non rimettere il pannolino. Stendiamo due asciugamani sul letto e nel caso ci sono anche i teli impermeabili.
  5. Fuori casa: qui viene la parte davvero difficile. Fare la pipì sul water è già un passaggio difficile. Imparare a farla in un bagno pubblico è un’impresa. Noi teniamo Alice in braccio reggendo le gambine come se stesse seduta. Abbiamo fatto delle prove in casa e quando siamo usciti lei è riuscita a farla. Per stare più tranquilli, però, abbiamo acquistato le mutandine apprendimento. Ovviamente ci hanno salvato. Un paio di volte non abbiamo fatto in tempo ad andare in bagno ma con queste mutandine abbiamo evitato il cambio completo. Assorbono bene la pipì ed evitano fuoriuscite.
  6. Ninne serali: solitamente si attende qualche mese dallo spannolinamento prima i togliere il pannolino di notte. Noi attenderemo fin quando Alice si sentirà pronta. E comunque per la notte usiamo i pannolini mutandina rigorosamente bio. In questo modo la mattina lei si sta abituando a toglierli come fossero mutande e a mettersi sul water.

Dopo avervi rese partecipi delle nostre abitudini, passiamo ai consigli pratici per iniziare e superare la fase dello spannolinamento. Vi darà qualche info non solo sulle mutandine apprendimento o training pants ma anche sul vasino da viaggio. Due elementi davvero utili per togliere il pannolino senza stress.

D’altronde io sono una mamma a cui piace uscire e quindi ho dovuto puntare sull’organizzazione. Fortunatamente le cose sono più semplici rispetto a qualche anno fa, quando eravamo piccole noi. E non serve più stare chiusi in casa per settimane ad attendere il completo spannolinamento.

Prendendo la cosa con più leggerezza, anche i bambini impareranno prima a stare senza pannolino. Un consiglio: iniziare lo spannolinamento con serenità, senza mai rimproverare il bambino.

Spannolinamento: mutandina apprendimento o training pants

Spannolinamento: il vasino da viaggio

Come vi avevo accennato, ormai le hanno inventate tutte per facilitare la vita a noi mamme. Il vasino portatile è un oggetto molto comodo per la fase dello spannolinamento e oltre. Questo supporto può essere usato in casa perché si appoggia facilmente sul water. E’ dotato di bustine per quando si è fuori casa ed è pieghevole e leggero. Si trasporta comodamente ovunque e si può utilizzare in ogni situazione, anche il macchina, poggiandolo sul sedile.

spannolinamento

E’ adatto a bambini fino a 6 anni. Ha in dotazione anche 10 bustine.

Questo prodotto è in offerta
Sede Portatile Pieghevole Bambini POTETTE Inoltre Viaggi Potty Con 10...
55 Recensioni

Noi abbiamo scelto questo modello semplicissimo e a buon prezzo e mi sento di consigliarvelo, soprattutto in vista della partenza per le vacanze. Se poi volete organizzare tutto perfettamente e magari siete mamme un po’ maniacali come me, allora leggete i miei consigli per viaggiare con bambini e neonati.

 

Vi aspetto come sempre sulla pagina Facebook di MestiereMamma e sul gruppo Le mamme di MestiereMamma.

 

Seguimi su Facebook

Seguimi su Instagram

Iscriviti al gruppo

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

X