Allattamento: 4 consigli a cui, mamme, non potrete più rinunciare!

Il momento dell’allattamento è un momento speciale, unico in cui tu, mamma, puoi instaurare un rapporto particolare con il piccolo. Tuttavia può essere anche un momento che genera ansia soprattutto quando vedi il tuo bimbo irrigidirsi e iniziare a piangere inconsolabile. In questo caso hai bisogni di questi 4 consigli e l’allattamento diventerà un momento piacevole e indimenticabile. 

4 consigli su cosa fare e cosa non fare nella fase di allattamento

Su internet si trova ogni consiglio e il suo esatto contrario. Ci sono poi le mamme (le nonne del neonato) sempre prodighe di suggerimenti (alcuni buoni altri meno). Di chi fidarsi? Li provi tutti e poi decidi quali usare nel tuo caso? No, non ce n’è bisogno: basta affidarsi a chi ne sa di più. I 4 consigli per l’allattamento che ti daremo in questa guida non sono farina del nostro sacco, ma sono presi dal sito ministeriale della Salute

2 consigli su cosa non è bene fare 

Dedichiamoci prima su alcuni consigli riguardanti ciò che è bene NON fare nella fase di allattamento. 

  1. Non seguire rigidi orari

Ogni bambino è una persona a sé e avrà la sua particolare esigenza di latte materno. Genericamente parlando, almeno nei primi mesi, i neonati poppano una media di 8/14 volte al giorno. Un genitore equilibrato cercherà di adattare le proprie esigenze con quelle del figlio non stabilendo rigidi orari, ma cercando di allattare il proprio figlio ‘a richiesta’.

  1. Non lavatevi il seno prima o dopo le poppate

Molte mamme non sanno che il seno è dotato di ghiandole che lavorano per ‘pulire’ o meglio disinfettare in modo naturale l’areola. La normale e regolare igiene della mamma sarà sufficiente. Per i primi 6 mesi non dare al neonato altri alimenti.

Allattamento: 2 consigli su cosa fare 

Passiamo adesso a fornire alcuni consigli per evitare gli abituali problemi legati all’allattamento. 

  1. Posizione e attacco al seno del bambino

E’ di fondamentale importanza per evitare i classici problemi legati all’allattamento quali dolore, ingorgo, mastite non staccare dal seno il neonato prima che abbia finito di alimentarsi. Il consiglio dato per anni di attaccare il bambino per 10 minuti per parte è stato riconosciuto inutile e inappropriato. Sarà i bimbo stesso, senza forzature, a decidere quando interrompere perché avverte il senso di sazietà. E’ importante non trasferirlo da un seno all’altro in quanto è proprio nell’ultima parte del latte materno che viene offerto che risiede la concentrazione maggiore di grassi. Se, una volta svuotata una mammella, vorrà continuare a poppare offritegli l’altra. Il tutto deve avvenire in modo naturale senza preoccupazioni eccessive. 

  1. Quando vuole mangiare di notte

Succederà di sentire il vostro neonato piangere nel cuore della notte perché ha fame. La cosa migliore per venire incontro alle sue esigenze notturne è quella di mettere la sua culla nella stessa stanza da letto dei genitori. Una volta terminata la poppata, si raccomanda di rimettere il bimbo nella culla e di non sistemarlo nel letto insieme ai genitori per evitare il rischio della ‘morte improvvisa infantile’.

Siamo certi che seguire questi consigli renderà l’esperienza dell’allattamento migliore e unica. 

Post collegati

Ultimi articoli

Quanto deve crescere ogni mese il tuo bambino? Occhio a non improvvisare! Conosci le regole!

Una delle preoccupazioni principali delle neomamme, soprattutto quando è il primo figlio, è che il bambino non cresca abbastanza. Forse non riesce ad attaccarsi...

Vuoi allattare senza dolori? Alcune regole che non devi mai dimenticare

E’ uno dei problemi più avvertito dalle neo mamme e quello che più le preoccupa: non riuscire ad avere latte materno. Sanno quanto il...

Come e quanto dorme tuo figlio di un mese? Preoccupati se..

Come e quanto dorme tuo figlio di appena un mese di vita? Sei preoccupata perché dorme troppo o, viceversa, troppo poco? Come è il...

I riflessi del tuo bambino durante il primo mese celano qualcosa di importante..scopri di che si tratta

Ha solo un mese ed è ancora molto tenero. Sicuramente stai prestando la massima attenzione al tuo bambino ma, soprattutto se è il primo,...

Comunicare a un mese di vita: ecco cosa puoi aspettarti. Attenta a questi segnali!

Cosa puoi aspettarti dal tuo bambino di un mese di vita in relazione alla comunicazione? A cosa devi prestare attenzione? E’ importante sapere come...