Se il tuo bimbo piange disperato, attenta a quello che fai: potresti peggiorare la situazione

L’arrivo di un figlio è un’evento unico e meraviglioso, tuttavia cambia drasticamente e drammaticamente la vita dei genitori. Se il tuo bambino è tranquillo, piange ma non eccessivamente, allora è uno dei periodi più piacevoli mentre osservi ogni giorno crescere il tuo bambino. Ma che dire, invece, se dopo qualche settimana che è nato, inizia a piangere disperato e sembra non avere nessuna intenzione di smettere? Come comportarsi in questo contesto e soprattutto cosa non si deve assolutamente fare?

Essere informati è la cosa essenziale

Può essere davvero logorante per un genitore non sapere come calmare il pianto del proprio bambino. Ti arriva nelle ossa, in profondità e ti esaurisce, ti dispera. Esasperato e infastidito potresti fare qualcosa di inopportuno? Sì, un genitore può essere responsabile di danni al proprio bambino piccolo, purtroppo. Ne parleremo tra poco nel dettaglio.

In un contesto come questo, corsi di formazione per i genitori sul pianto dei neonati, su come gestirlo e imparare a riconoscerlo possono fare la differenza. Anche piani o programmi di intervento per alleviare i genitori sopraffatti, possono essere di fondamentale importanza nel sostenere famiglie che non riescono a prendersi cura del loro neonato.

Se tutto questo manca, allora un genitore esasperato dal pianto ininterrotto del proprio bambino può arrivare a scuoterlo talmente forte da provocarne la morte. 

Sindrome del bambino scosso

Ecco il nome scientifico dato a questo evento, in inglese “shaken baby syndrome” (Sbs).

Per quanto irreale possa sembrare, anche in Italia ogni anno si verificano episodi di questa portata. Nel padovano, ad esempio, nel 2019, una madre ha provocato la morte del figlio scuotendolo perchè non dormiva.

Perché si scuotono i bambini

E’ una reazione violenta al pianto inarrestabile e inconsolabile del bambino. Lo scuotimento porta come conseguenze a traumi sull’encefalo e successive sequele neurologiche. Può anche fratturare le ossa ancora molto fragili del neonato.

Un neonato non ha ancora rafforzato le ossa e i muscoli cervicali del collo. Questi, quindi, non riescono a sostenere la testa e il cervello, quando un neonato viene scosso violentemente, si sposta liberamente all’interno della cassa cranica provocando ecchimosi e sanguinamento dei tessuti. Queste lesioni possono portare alla morte del bambino.

Anche le ossa, essendo ancora fragili, possono rompersi e provocare emorragie interne con conseguente morte prematura del piccolo.

La tragedia è che lo scuotimento avviene proprio per mano di coloro deputati a proteggere e a comprendere il piccolo: genitori, nonni, babysitter, educatrici all’interno dell’asilo nido.

Ricerche su questa sindrome hanno evidenziato che sono più soggetti a questo rischio i bambini che nascono in una famiglia monoparentale oppure quando la madre non ha ancora 18 anni, livelli di istruzione bassi e abuso di sostanze stupefacenti e alcol. La combinazione di questi fattori possono portare genitori in difficoltà ad ‘uccidere’ il proprio figlio.

Post collegati

Ultimi articoli

Quanto deve crescere ogni mese il tuo bambino? Occhio a non improvvisare! Conosci le regole!

Una delle preoccupazioni principali delle neomamme, soprattutto quando è il primo figlio, è che il bambino non cresca abbastanza. Forse non riesce ad attaccarsi...

Vuoi allattare senza dolori? Alcune regole che non devi mai dimenticare

E’ uno dei problemi più avvertito dalle neo mamme e quello che più le preoccupa: non riuscire ad avere latte materno. Sanno quanto il...

Come e quanto dorme tuo figlio di un mese? Preoccupati se..

Come e quanto dorme tuo figlio di appena un mese di vita? Sei preoccupata perché dorme troppo o, viceversa, troppo poco? Come è il...

I riflessi del tuo bambino durante il primo mese celano qualcosa di importante..scopri di che si tratta

Ha solo un mese ed è ancora molto tenero. Sicuramente stai prestando la massima attenzione al tuo bambino ma, soprattutto se è il primo,...

Comunicare a un mese di vita: ecco cosa puoi aspettarti. Attenta a questi segnali!

Cosa puoi aspettarti dal tuo bambino di un mese di vita in relazione alla comunicazione? A cosa devi prestare attenzione? E’ importante sapere come...