Coliche neonati: se vuoi evitarle devi sapere una cosa sola

Una delle ansie più frequenti in una neo mamma che ha deciso di allattare al seno è: quali sono gli alimenti giusti e quali quelli dannosi per il mio bambino? E ancora: da cosa dipendono quelle colichette che fanno piangere il mio bambino? Naturalmente i dubbi e le inquietudini possono vertere su tutto ma, in questo articolo risponderemo a come evitare le coliche neonato.

Allattamento: gli alimenti da evitare

Prima di addentrarci nel merito delle colichette, spendiamo giusto qualche parola per evidenziare alcuni alimenti che rientrano a pieno titolo tra quelli da evitare: l’alcol e il caffè. Il primo perché danneggia il cervello del neonato, il secondo perché lo rende molto irrequieto.

L’alcol durante l’allattamento

E’ stato dimostrato da vari studi che, almeno nei primi tre mesi di allattamento l’alcol danneggia il cervello del neonato. L’alcol, nel giro di 30-60 minuti entra nel circolo del latte materno e può dunque essere ingerito anche dal vostro bambino. I danni provocati dall’alcol dipendono dalle quantità ingerite dalla neo mamma e da quanto spesso ne fa uso. Dopo i tre mesi, secondo recenti studi, si può con molta moderazione e solo occasionalmente bere alcolici in piccole quantità. Ma se si riesce a continuare ad evitare di bere, si agisce meglio. 

Caffè perché evitarlo durante l’allattamento

Anche il caffè rientra tra quegli alimenti che è bene evitare durante l’allattamento in quanto può portare ad irrequietezza e agitazione nel bambino. La caffeina così come altri elementi eccitanti presenti nel thè, nelle bibite gassate, nel cioccolato e in alcuni farmaci compaiono nel latte materno dopo circa un’ora, un’ora e mezzo dall’ingestione. Nei bimbi il metabolismo di tali sostanze è molto più lento rimanendo in circolo nell’organismo del neonato per più tempo. Quindi se proprio non riusciamo a resistere ad una tazzina di caffè, prendiamolo decaffeinato.

Coliche neonati: i recenti studi

Fino a qualche tempo fa, i medici erano unanimi nell’affermare che le coliche nei neonati dipendessero dal gas intestinale che si formava a seguito dell’ingestione di alcuni cibi da parte della mamma. Quindi erano stati banditi diversi alimenti o si diceva alle neo mamme di mangiarli con molta moderazione. Recenti studi, anche se non conclusivi, hanno dimostrato che, contrariamente a quanto si pensava, gli alimenti non sono i responsabili maggiori delle colichette. Infatti meno del 5% dei neonati colpiti da coliche manifesta una patologia legata all’intolleranza del lattosio, reflusso gastroesofageo.

Secondo alcuni specialisti, le coliche dei neonati potrebbero dipendere da una situazione di stress causato da fattori fisiologici e psicosociali. Altri invece propendono per codificare la colica come un espediente per ottenere l’attenzione dei genitori.

Questo sposta il peso della bilancia dall’alimentazione all’ambiente familiare altrettanto importante per far crescere sano e forte il vostro bambino. 

Che dire del fumo in gravidanza? Leggi il nostro articolo!

Post collegati

Ultimi articoli

Cosa include il benessere di tuo figlio di un mese? Chi sono i grandi esclusi?

Chi sono i grandi esclusi in tutto il periodo che inizia nel momento in cui una donna sa che è incinta sino alla nascita del...

Quanto deve crescere ogni mese il tuo bambino? Occhio a non improvvisare! Conosci le regole!

Una delle preoccupazioni principali delle neomamme, soprattutto quando è il primo figlio, è che il bambino non cresca abbastanza. Forse non riesce ad attaccarsi...

Vuoi allattare senza dolori? Alcune regole che non devi mai dimenticare

E’ uno dei problemi più avvertito dalle neo mamme e quello che più le preoccupa: non riuscire ad avere latte materno. Sanno quanto il...

Come e quanto dorme tuo figlio di un mese? Preoccupati se..

Come e quanto dorme tuo figlio di appena un mese di vita? Sei preoccupata perché dorme troppo o, viceversa, troppo poco? Come è il...

I riflessi del tuo bambino durante il primo mese celano qualcosa di importante..scopri di che si tratta

Ha solo un mese ed è ancora molto tenero. Sicuramente stai prestando la massima attenzione al tuo bambino ma, soprattutto se è il primo,...