Latte materno: il sesso ne cambia la composizione?

Forse come mamma sei già a conoscenza del fatto che il latte materno, man mano il tuo bambino cresce, cambia anche la sua composizione. Recenti studi eseguiti in Michigan, USA, hanno mostrato che qualcos’altro, il sesso, ne modifica la composizione e questo ha lasciato tutti quanti a bocca aperta. E’ incredibile come un solo alimento sia così stupefacente da far ancora sorprendere chi lo studia. 

Latte materno: come cambia in base all’età

Ti abbiamo incuriosita? Prima di approfondire il tema, soffermiamoci su come il latte materno cambia in base al fabbisogno nutrizionale del bambino mentre cresce. 

Da quando nasce al quinto giorno, il latte materno è sostanzialmente colostro definito anche il primo vaccino del bambino. E’ un liquido sieroso di colore giallo che contiene immunoglobuline che permette la protezione del neonato da virus, germi e funghi e parassiti. E’ di poca entità ma è preziosissimo per la salute del tuo piccolo. 

Dal quinto giorno sino all’incirca il 15° giorno di vita del neonato, il latte materno si trasforma in latte maturo aumentando in quantità (circa 800 ml in 24 ore) e in sostanza: aumentano i livelli di grasso, zucchero, lattosio e tutti gli altri elementi nutritizi. 

Come cambia il latte materno in base al sesso del tuo bambino

Ecco di cosa tratta la recente scoperta in Michigan USA sul latte materno: la sua composizione sarebbe diversa a seconda che il neonato sia maschio o femmina. Il latte materno si adeguerebbe in questo modo per favorire la crescita strutturale in base alle differenze congenite. Si è scoperto infatti che il latte materno è più ricco di grassi se il neonato è maschio mentre se la madre vive in paesi dove c’è carestia, il latte materno si modifica di conseguenza aumentando il livello di grassi anche se si tratta di una neonata. Per le neonate il latte materno è più abbondante e ha alti livelli di calcio.

Uno studio eseguito sugli scimpanzé ha mostrato evidenze in tal senso. La professoressa Katie Hinde, dell’Università di Harvard, esperta in biologia molecolare, ha scoperto livelli più alti di cortisolo nel latte di mammiferi il cui nato era maschio mentre se era femmina, il latte della madre conteneva livelli più elevati di calcio. Negli scimpanzé infatti le femmine sviluppano lo scheletro osseo prima dei maschi. Si è dedotto quindi che il latte si modifica in base al modello di crescita. Lo stesso si è scoperto in relazione al latte materno e al sesso del neonato. 

La straordinarietà del latte materno è ineguagliabile: non c’è latte artificiale che tenga. Quelli in commercio non sono altro che delle deboli imitazioni di quello vero, del tutto gratuito, che ogni madre fa bene ad offrire al proprio bimbo. 

Post collegati

Ultimi articoli

Quanto deve crescere ogni mese il tuo bambino? Occhio a non improvvisare! Conosci le regole!

Una delle preoccupazioni principali delle neomamme, soprattutto quando è il primo figlio, è che il bambino non cresca abbastanza. Forse non riesce ad attaccarsi...

Vuoi allattare senza dolori? Alcune regole che non devi mai dimenticare

E’ uno dei problemi più avvertito dalle neo mamme e quello che più le preoccupa: non riuscire ad avere latte materno. Sanno quanto il...

Come e quanto dorme tuo figlio di un mese? Preoccupati se..

Come e quanto dorme tuo figlio di appena un mese di vita? Sei preoccupata perché dorme troppo o, viceversa, troppo poco? Come è il...

I riflessi del tuo bambino durante il primo mese celano qualcosa di importante..scopri di che si tratta

Ha solo un mese ed è ancora molto tenero. Sicuramente stai prestando la massima attenzione al tuo bambino ma, soprattutto se è il primo,...

Comunicare a un mese di vita: ecco cosa puoi aspettarti. Attenta a questi segnali!

Cosa puoi aspettarti dal tuo bambino di un mese di vita in relazione alla comunicazione? A cosa devi prestare attenzione? E’ importante sapere come...