Miglior cuscino per allattamento: quale scegliere e come usarlo
Top Menu
cuscino per allattamento

La recensione del cuscino per allattamento può sembrare un consiglio inutile e banale e invece vi accorgerete che non sarà così. Con la nascita dei vostri cuccioli capirete che molti oggetti che sembravano fondamentali verranno accantonati in un angolo della casa. Altri, invece, che non avreste mai pensato di comperare diverranno fondamentali.

Il cuscino per allattamento sarà un oggetto molto utile al quale sarà meglio non rinunciare. Io decisi di non comprarlo prima della nascita della mia figlia Alice. Poi, il giorno dopo il parto, un po’ per la scomodità dei letti della clinica, un po’ per gli acciacchi che inevitabilmente ci si trova a dover affrontare, mia madre corse a comprarlo.

cuscino per allattamento
Posizione allattamento classica

Da quel giorno non l’ho più lasciato e soprattutto è diventato un compagno di maternità da usare nelle situazioni più disparate. C’è da dire che non sono proprio economici ma la spesa verrà ammortizzata nel tempo e grazie agli usi che se ne faranno. E’ anche vero che non tutte le neo mamme ci si trovano bene. Tuttavia, per esperienza personale, posso dire che è una questione di abitudine. Dopo i primi giorni di adattamento non vorrete più farne a meno.

Perché acquistare un cuscino per allattamento

  • Allattamento: il cuscino è molto comodo per l’allattamento in posizione classica e anche in posizione rugby. Adagiando il neonato sul cuscino, anche la mamma assumerà una postura più corretta senza incurvare la schiena.
  • Sonnellino post poppata: spesso i neonati si addormentano mentre mangiano o subito dopo. Grazie al cuscino per allattamento anche la mamma può approfittare per rilassarsi comodamente mentre il piccolo fa un riposino.
  • Anti rigurgito: soprattutto durante i primi 6 mesi, i neonati possono soffrire di reflusso e di rigurgiti frequenti. Per aiutarli a digerire meglio, si consiglia di non metterli completamente sdraiati. Il cuscino per allattamento è perfetto per rialzare la schiena di circa 30 gradi.
  • Raffreddore e tosse: quando i neonati hanno il naso chiuso o tosse è molto facile che la mamma passi delle notti insonni. I bambini non sanno eliminare il catarro e ovviamente se hanno un sonno disturbato, i risvegli saranno frequenti. Inserendo il cuscino per allattamento nella culla o nel lettino e adagiando i bimbi con la schiena rialzata, riusciranno a respirare meglio e a dormire serenamente.
  • Coccole e ninne: ci vorranno molti mesi prima che un neonato abbandoni la posizione fetale accovacciata. Soprattutto quando è ora di dormire, i piccoli amano sentirsi stretti nell’abbraccio materno. Cercano calore, contatto e contenimento fisico. Il cuscino per allattamento si adatta perfettamente a queste esigenze. Mettendoli all’interno del cuscino si sentiranno protetti e al calduccio e faranno sogni d’oro.
  • Mal di schiena: Il cuscino per allattamento può essere un valido supporto anche per la mamma che ha dolori alla schiena. Infatti, se collocata nella zona lombare aiuta a rilassarsi e ad assumere una posizione corretta per scaricare le tensioni muscolari.
  • Cervicale e mal di testa: Il cuscino per allattamento può essere d’aiuto anche per i dolori cervicali. Sostiene e mantiene al caldo il collo e la testa e aiuta ad alleviare il fastidio.
cuscino per allattamento
Posizione allattamento rugby

 

Insomma, il cuscino per allattamento è un oggetto davvero immancabile e potrebbe essere anche un’idea regalo per una futura mamma. Se avete pensato di fare una lista di nascita, potreste inserirlo fra gli oggetti utili.

Personalmente l’ho usato e lo uso ancora moltissimo e spesso la mia figlia più grande, Alice, se lo porta al letto e si rilassa nel suo ‘abbraccio’. Di seguito vi propongo alcuni modelli che ho trovato su Amazon:

Vorrei, come sempre, precisare che le mie recensioni non sono sponsorizzate ma vogliono essere dei consigli utili da mamma a mamma.

Se pensate che la recensione del cuscino per allattamento sia stata utile e volete saperne di più su molti altri argomenti riguardanti la maternità, vi aspetto sulla pagina Facebook di MestiereMamma o sul gruppo Le mamme di MestiereMamma.

Seguimi su Facebook

Seguimi su Instagram

Iscriviti al gruppo

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X