Viaggiare con bambini e neonati: i documenti e le regole

I documenti necessari per viaggiare all’estero con bambini e neonati. Cosa fare e come richiedere i documenti per i minori

Viaggiare all’estero con i propri figli, anche se piccoli e neonati, è una bellissima esperienza. Per poterla vivere al meglio bisogna però essere organizzati e senza ombra di dubbio la prima cosa da fare sono i documenti di viaggio. I minori, compresi anche i neonati, devono infatti avere ora il proprio documento personale per poter viaggiare; non è più possibile, com’era fino a poco tempo fa, aggiungere i minori nel passaporto dei genitori. Ricordatevi poi di verificare se per il Paese verso cui viaggiate sono necessari i visti: in tal caso vanno richiesti presso l’Ambasciata.

Leggi anche -> Vacanze con i bambini come organizzarle al meglio

Documenti per viaggiare per bambini e neonati 

Per viaggiare tutti i minori, da 0 a 18 anni, devono avere il proprio documento individuale. I documenti sono: il passaporto individuale, la carta d’identità o il lasciapassare (valido fino ai 15 anni d’età e rilasciato dal Questore). La carta d’identità è valida in tutti i Paesi dell’Unione Europea, al di fuori è necessario esibire il passaporto.

I bambini fino a 14 anni per espatriare devono essere accompagnati. Possono viaggiare all’estero i minori di 14 anni solo se: accompagnati dal proprio genitore o da chi ne fa le veci o da un accompagnatore maggiorenne munito di dichiarazione di accompagno. La dichiarazione di accompagno va richiesta in Questura.

In caso di viaggi in aereo per minori di 14 anni non accompagnati è opportuno informarsi presso la compagnia aerea in quanto alcune non accettano minori, altre solo a determinate condizioni (qui maggiori informazioni su quali sono le regole per viaggiare in aereo con minori). In ogni caso è necessario richiedere presso la Questura la dichiarazione di accompagno.

Come richiedere il passaporto per neonati e minori

Il passaporto, come nel caso dei maggiorenni, va richiesto alla Questura. E’ necessaria l’assenso di entrambi i genitori indipendentemente dal loro status, ossia se sono coniugati, separati, divorziati o conviventi. Entrambi devono presentarsi in questura e nel caso uno dei due non possa essere presente, l’altro genitore dovrà fornire dichiarazione firmata di assenso e fotocopia del documento firmata. Nel caso uno dei due genitori sia extracomunitario la dichiarazione di assenso dovrà essere vidimata dall’Ambasciata di appartenenza. Se uno dei due genitori è contrario all’assenso interverrà un giudice tutelare.
Il minore per il quale si richiede il passaporto deve essere presente al momento della richiesta del rilascio, bisogna presentare foto recenti e il pagamento del conto corrente deve essere a nome del minore, anche se ovviamente eseguito dal genitore. Per i bambini al di sotto dei 12 anni d’età non verranno prese le impronte digitali, né la firma.
La validità del passaporto è di tre anni per i bambini neonati da 0 a 3 anni e quinquennale per i minori da 3 a 18 anni.

Come richiedere la carta d’identità per minori

La carta d’identità può essere richiesta al proprio ufficio comunale o circoscrizionale. Nel caso di carta d’identità valida per l’espatrio è necessario l’assenso di entrambi i genitori. Ricordiamo che la carta d’identità valida per l’espatrio è valida in tutti i Paesi dell’Unione Europea. In ogni caso bisogna portare con sé tre foto tessere recenti. La validità della carta d’identità è di 3 anni per i bambini da 0 a 3 anni e di 5 anni per i minori da 3 a 18 anni.

Cos’è il lasciapassare per l’espatrio

Il lasciapassare per l’espatrio è un documento rilasciato dal Comune e che deve essere vidimato dal Questore. Vale fino ai 15 anni d’età e può essere richiesto presso il Commissariato di Polizia o il Comando dei carabinieri della propria zona di residenza. Alla domanda va allegato l’assenso di entrambi i genitori, il certificato di nascita e due foto tessere.

Documenti per viaggiare in Italia con bambini e neonati

Se viaggiate in Italia non è ovviamente necessario portare con voi il passaporto, ma è necessario avere con sé la carta d’identità del minore. Infatti è fatto obbligo per tutti, neonati compresi, avere il proprio documento. Già da appena nati potete richiedere la carta d’identità, che come quella valida per l’espatrio ha una validità di tre anni fino ai 36 mesi del bambino. La procedura è la stessa, ossia recarsi presso il proprio Comune e Circoscrizione e fare domanda allegando le foto tessera.

Post collegati

Ultimi articoli

Cosa include il benessere di tuo figlio di un mese? Chi sono i grandi esclusi?

Chi sono i grandi esclusi in tutto il periodo che inizia nel momento in cui una donna sa che è incinta sino alla nascita del...

Quanto deve crescere ogni mese il tuo bambino? Occhio a non improvvisare! Conosci le regole!

Una delle preoccupazioni principali delle neomamme, soprattutto quando è il primo figlio, è che il bambino non cresca abbastanza. Forse non riesce ad attaccarsi...

Vuoi allattare senza dolori? Alcune regole che non devi mai dimenticare

E’ uno dei problemi più avvertito dalle neo mamme e quello che più le preoccupa: non riuscire ad avere latte materno. Sanno quanto il...

Come e quanto dorme tuo figlio di un mese? Preoccupati se..

Come e quanto dorme tuo figlio di appena un mese di vita? Sei preoccupata perché dorme troppo o, viceversa, troppo poco? Come è il...

I riflessi del tuo bambino durante il primo mese celano qualcosa di importante..scopri di che si tratta

Ha solo un mese ed è ancora molto tenero. Sicuramente stai prestando la massima attenzione al tuo bambino ma, soprattutto se è il primo,...