Togliersi le scarpe in casa: è importante soprattutto se avete bambini

In Italia siamo abituati a delle norme igieniche molto ben radicate ma questa abitudine proprio non vogliamo acquisirla: togliersi le scarpe in casa. Un piccolo gesto che può fare la differenza tra un ambiente pulito e uno che sembra pulito ma non lo è. E può fare la differenza tra bambini che si ammalano e bambini che rimangono in salute. Vedremo in questo breve articolo perché nella nostra vita quotidiana dovremmo adottare questa semplice abitudine e perché è ancor più importante quando ci sono bimbi piccoli in casa.

Quali batteri si annidano nelle suole delle nostre scarpe?

Sono diversi gli studi fatti per scoprire cosa trattengono le nostre suole tutte le volte che camminiamo per strada. Pensate al percorso che avete fatto oggi: vi siete imbattuti in foglie cadute al suolo, escrementi di piccioni, cani e altri ancora, in catrame e via di seguito.

I ricercatori dell’Università di Houston hanno scoperto che circa il 40% delle scarpe dei soggetti utilizzati a campione aveva il batterio nocivo chiamato C.diff (Clostridium difficile). Queste spore non sono affatto facili da trattare.

Lo studio ha scoperto che questo batterio non era solo sulle suole di scarpe, ma si era diffuso anche in altre aree domestiche come bagni, piani e superfici, e ovunque si depositasse polvere sul pavimento. Secondo quello stesso studio quelle spore possono vivere a lungo su superfici asciutte.

Il problema, con questo tipo d’infezione causata da questo specifico batterio, è che gli antibiotici sono inutili e il recupero del paziente è molto difficile. I rivestimenti nell’intestino vengono attaccati causando colite.

Ma questo è soltanto uno dei batteri che si attaccano alle nostre scarpe!
Una ricerca effettuata presso l’Università dell’Arizona ha trovato ben 421.000 batteri diversi sotto alle nostre scarpe. Questi, con tutta probabilità, sono la causa di infezioni agli occhi, nei polmoni e nello stomaco. Due di questi meritano sicuramente di essere menzionati.

Il primo è noto come Escherichia Coli (un organismo patogeno), per lo più innocuo, ma alcuni ceppi non lo sono. Spesso causano gravi problemi allo stomaco e all’intestino.

Un altro tipo di batterio che i ricercatori hanno scoperto è la Klebsiella pneumoniale che è nota per causare gravi danni ai polmoni e può portare alla polmonite. Il tasso di mortalità per questo batterio è molto alto.

Vantaggi dal togliersi le scarpe in casa

Una volta considerati i germi patogeni che portiamo in casa, se non ci togliamo subito le scarpe, saremo più propensi a compiere il semplice gesto di togliercele prima di entrare, non è vero? Ci sono altri motivi che ci possono indurre ad adottare questo nuovo ‘stile di vita’:

  • una casa più pulita. Dovremo pulire la casa con meno frequenza e anche i pavimenti dureranno più a lungo (soprattutto se abbiamo il parquet).
  • Avremo quindi un risparmio economico.
  • Anche le nostre scarpe dureranno più a lungo!
  • I nostri piedi ci ringrazieranno. Camminare a piedi nudi, infatti, stimola i nervi della pianta come sanno molto bene i riflessologi.
  • Meno detersivi = meno inquinamento ambientale.

Leggi anche i miei articoli dedicati all’igiene in casa a seconda dell’età dei bambini e ai detergenti eco bio 😉

Togliersi le scarpe in casa: un atto di responsabilità nei confronti dei nostri bambini

Chi non ha visto un bimbo piccolo gattonare, mettersi a sedere e mettere in bocca la manina che fino a qualche secondo prima era appoggiata a terra? I bambini mettono in bocca quasi ogni cosa e, anche se è pur vero che non dobbiamo tenerli in un ambiente sterilizzato, rendere la nostra casa, i nostri pavimenti quanto più puliti è un gesto di amore nei loro confronti. I germi con cui potrebbero venire a contatto potrebbero essere davvero molto pericolosi per i nostri bambini il cui sistema immunitario è ancora in formazione. Ciò non significa tenerli in una campana di vetro ma sapere a cosa fare attenzione. Un libro mi è stato molto utile per capire come comportarmi con le mie figlie e i batteri. Vi lascio la mia recensione, leggetelo è bellissimo! “Lascia che si sporchi

Pensate che uno studio ha scoperto che i bambini di età inferiore ai 2 anni si sono messi le mani in bocca quasi 80 volte ogni ora. Quindi se abbiamo bambini piccoli è particolarmente importante smettere di indossare le scarpe in casa e toglierle alla porta.

Per riuscire ad adottare questa nuova abitudine procuratevi una scarpiera o un cesto vicino alla porta in modo che tutti i familiari e gli amici ripongano lì le loro scarpe non appena arrivano a casa.

Potreste proporre di indossare delle ciabattine per ospiti o dei copriscarpe per chi non volesse togliere le scarpe in casa vostra: manterrete l’ambiente più pulito e loro si sentiranno in un ambiente più famigliare. Io ho una shopper carina piena di copriscarpe appesa al portone e li faccio indossare a tutti, tranne agli amici stretti che hanno le loro pantofole 😉

Lo studio dell’Università dell’Arizona ha raccomandato che ogni tanto è utile lavare anche le scarpe, se è possibile farlo!

Riassumendo: togliersi le scarpe in casa, può rivelarsi un vantaggio sia per l’ambiente che per la nostra salute e quella dei nostri bambini. E voi? L’avete già questa abitudine?

Gruppo Facebook

Post collegati

Ultimi articoli

Quanto deve crescere ogni mese il tuo bambino? Occhio a non improvvisare! Conosci le regole!

Una delle preoccupazioni principali delle neomamme, soprattutto quando è il primo figlio, è che il bambino non cresca abbastanza. Forse non riesce ad attaccarsi...

Vuoi allattare senza dolori? Alcune regole che non devi mai dimenticare

E’ uno dei problemi più avvertito dalle neo mamme e quello che più le preoccupa: non riuscire ad avere latte materno. Sanno quanto il...

Come e quanto dorme tuo figlio di un mese? Preoccupati se..

Come e quanto dorme tuo figlio di appena un mese di vita? Sei preoccupata perché dorme troppo o, viceversa, troppo poco? Come è il...

I riflessi del tuo bambino durante il primo mese celano qualcosa di importante..scopri di che si tratta

Ha solo un mese ed è ancora molto tenero. Sicuramente stai prestando la massima attenzione al tuo bambino ma, soprattutto se è il primo,...

Comunicare a un mese di vita: ecco cosa puoi aspettarti. Attenta a questi segnali!

Cosa puoi aspettarti dal tuo bambino di un mese di vita in relazione alla comunicazione? A cosa devi prestare attenzione? E’ importante sapere come...