Faccende domestiche per bambini: come farsi aiutare dai figli

Faccende domestiche per bambini: come farsi aiutare dai figli

Sembra quasi non veda l’ora di aiutarti. Quando apparecchi la tavola vuole portare a tutti i costi anche lui qualcosa. Ma è ancora così piccolo….e se gli cadesse dalle mani? Naturalmente quando i nostri figli sono piccoli tendiamo a sostituirci in toto a loro. Ogni bisogno che hanno siamo subito pronte a soddisfarlo, tendiamo a fare piuttosto che a farci aiutare.

Ma un aspetto importante nell’educazione dei nostri figli è senz’altro insegnare loro a collaborare all’interno della famiglia in base all’età. Un modo semplice e pratico perché imparino ad assumersi le responsabilità è facendoli partecipare ai lavori di casa. Vediamo quali faccende domestiche per bambini possiamo organizzare.

Faccende domestiche: cosa possono imparare i bambini

Svolgere le faccende domestiche aiuta i bambini a imparare cosa devono fare per prendersi cura di se stessi, di una casa e di una famiglia. Sviluppano delle abilità motorie che favoriscono la coordinazione occhio-mano. Riporre i giocattoli, rifare il letto etc…. sono tutti esercizi eccellenti per lo sviluppo delle abilità motorie. Inoltre impareranno delle abilità che potranno essergli utili durante tutta la loro vita, come preparare i pasti, pulire, organizzare e mantenere in ordine un giardino.

Gli permetterà inoltre di sviluppare abilità relazionali come comunicare chiaramente, negoziare, seguire le istruzioni, cooperare e lavorare in gruppo.

Il contribuire alla vita familiare aiuta i bambini a sentirsi capaci e responsabili. Aumenta la fiducia in se stessi. Anche se forse non sarà molto divertente lavare i piatti, potranno provare la soddisfazione derivante dall’aver svolto bene un compito.

Un’altro vantaggio che deriva dal coinvolgere i nostri figli nelle faccende domestiche è che diventeranno persone più organizzate. Studi recenti hanno mostrato come bambini che regolarmente aiutano i genitori nelle faccende domestiche sono più organizzati di coloro che hanno iniziato a farlo già grandi. Una migliore organizzazione si riflette sovente anche in migliori rendimenti scolastici.

E, ultimo beneficio ma non meno importante, condividere le faccende domestiche può ridurre il tempo che tutta la famiglia dedica ad esse e anche lo stress di ciascun componente. Quando i bambini danno una mano in casa, i genitori hanno meno da fare e ciò consente alla famiglia di trascorrere più tempo insieme facendo cose divertenti.

Come coinvolgere i bambini nei lavori di casa

Il segreto per coinvolgere i bambini nelle faccende domestiche è chiedere loro di svolgere un compito che siano in grado di fare secondo le loro capacità ed età. Un lavoro troppo duro per un bambino può essere frustrante – o persino pericoloso – e uno troppo facile potrebbe essere noioso.

Anche un bambino piccolo può iniziare ad aiutare se si scelgono attività adatte alla sua età. Si può iniziare con semplici lavori come prendersi cura dei suoi giocattoli. Richieste come queste inviano a tuo figlio il messaggio che il suo contributo è importante. Naturalmente prima di pretendere che svolga un lavoro domestico, dovrete insegnargli come si fa. Armatevi di pazienza! È possibile che nostro figlio non svolgerà il compito esattamente come lo avremmo fatto noi (pensiamo per esempio a rifare il letto), ma non sgridiamolo. Riconosciamo che ha fatto del suo meglio e aiutiamolo a perfezionarsi.

Se vostro figlio è abbastanza grande, si può stabilire insieme quali faccende domestiche dovrà svolgere anche secondo le sue preferenze.

Come continuare a coinvolgere vostro figlio nelle faccende domestiche

Sicuramente sono diverse le cose che potete fare per continuare a farli sentire coinvolti. Eccone alcune:

  • fate le faccende insieme finché il bambino non è pronto a farle da solo,
  • siate chiari su quali sono le faccende di ogni famigliare per ogni giorno o settimana – scrivetele in modo che siano facili da ricordare,
  • mostrate interesse per come vostro figlio ha svolto il lavoro,
  • lodatelo e ringraziatelo per il lavoro svolto,
  • usate una tabella premi per tenere traccia delle faccende completate e date piccole ricompense, come scegliere un programma TV o un pasto in famiglia,
  • continuate a incoraggiarlo, dicendo a vostro figlio che sta facendo bene, si sentirà ricompensato.

Faccende domestiche per bambini di età diverse

Anche il metodo Montessori incoraggia il bambino a fare da solo. Per poterlo fare è importante che gli ambienti e i compiti siano della sua portata. Sembra complesso ma anche in casa è possibile lasciar spazio ai bambini, incoraggiandoli a fare da soli.

Per esempio, creare una cameretta montessoriana è un passo molto importante verso l’autonomia. Ma ora vediamo alcune idee di faccende domestiche per bambini di età diverse.

Bambini piccoli (2-3 anni)

  • Raccogliere i suoi giocattoli e libri.
  • Riportare i vestiti nella sua stanza.
  • Mettere le tovagliette per i pasti.

Bambini in età prescolare (4-5 anni)

  • Apparecchiare la tavola per i pasti.
  • Aiutare a preparare i pasti, sotto supervisione.
  • Aiutare a mettere i vestiti puliti in pile per ogni membro della famiglia, pronti ad essere piegati.
  • Dare da mangiare all’animale domestico.
  • Passare i vestiti bagnati a qualcuno che li stenda.

Bambini in età scolare (6-8 anni)

  • Innaffiare il giardino e le piante in appartamento.
  • Rifare il letto.
  • Pulire il lavandino del bagno, pulire i piani della cucina.
  • Aiutare a stendere i panni e a piegare il bucato.
  • Passare l’aspirapolvere e pulire i pavimenti.
  • Aiutare a preparare e servire i pasti, sotto supervisione.

Bambini dai 9 agli 11 anni

Oltre ai precedenti:

  • Pulire la propria stanza,
  • portare a spasso il cane,
  • pulire il giardino,
  • prendersi cura di un fratellino,

Può essere d’incentivo cambiare lavoro di tanto in tanto, per stare al passo con i suoi mutevoli interessi. Questo è anche un modo per far ruotare le faccende tra i membri della famiglia.

Non sarà sempre facile far collaborare vostro figlio all’attività di famiglia, ma non demordete. Siate pazienti, coerenti ma fermi e per i vostri bambini diventerà un’abitudine svolgere le faccende domestiche come quella di lavarsi i denti (qui puoi leggere il mio articolo su come insegnare a tuo figlio l’igiene orale)!

Condividi questo post

Forse ti interessa anche..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.