Migliori attività montessori da fare in casa per educare all'autonomia » Mestiere Mamma

Migliori attività montessori da fare in casa per educare all’autonomia

Dobbiamo capire chiaramente che quando diamo al bambino la libertà e l’indipendenza, stiamo dando la libertà a un lavoratore già pronto all’azione, che non può vivere senza lavorare ed essere attivo ”. (Maria Montessori, The Absorbent Mind)

Maria Montessori ne era convinta e dedicò tutta la sua vita a stimolare i bambini perché potessero divenire autonomi nei loro processi di apprendimento e successivamente anche di pensiero. In questo breve articolo andremo alla scoperta di quelle attività che si possono svolgere in casa per promuovere l’autonomia dei nostri figli.

Le attività Montessori da fare in casa: perché stimolano l’autonomia

Una componente chiave dell’ambiente Montessori, che supporta lo sviluppo dell’indipendenza, è la libertà di movimento. Montessori scrisse che “il movimento aiuta lo sviluppo della mente e questo trova una rinnovata espressione in ulteriori movimenti e attività”. (The Absorbent Mind, p.142).

Insieme alla libertà di movimento i bambini, nell’ambiente Montessori, sono in grado di scegliere liberamente il proprio lavoro, dopo che hanno imparato come usufruirne. Potendo svolgere il lavoro che più gli interessa, è il bambino, non l’adulto, a soddisfare i propri bisogni ed è attraverso questo processo di autogestione dei propri bisogni che viene sostenuta l’autonomia del bambino. I genitori dovranno limitarsi a osservare e imparare dalle scelte del bambino e intervenire solo se ha difficoltà a trovare un lavoro o gioco significativo.

Si è scoperto che i bambini con un maggiore senso di autonomia rispondono meglio ai cambiamenti e alle sfide, diventano bravi risolutori di problemi e pensatori critici. Inoltre, iimparano a pensare e ad agire da soli in meno tempo rispetto a chi non utilizza tale approccio.

Alcune attività Montessori da fare in casa

Abbiamo affermato che è il bambino che agisce liberamente ad indicarci e mostrarci quali siano le cose che gli piace fare.

I bambini imitano naturalmente e spontaneamente gli adulti nelle attività della “vita pratica”: nella cura dell’ambiente e di se stessi. Chi non ha visto il proprio figlio prendere la scopa più grande di lui e, con fatica, mettersi a ‘spazzare’ il pavimento senza, per altro, raccogliere nulla? Li vediamo impegnati a pulire, lavare, ecc… Serviamoci di questo innata propensione ad imitare al fine di aiutarli nella loro autonomia ponendo in essere alcune attività montessori in casa.

Man mano che crescerà i suoi progetti si arricchiranno e diventeranno più complessi.

Ecco di seguito alcune attività semplici da fare in casa a seconda dell’età! Si divertiranno tanto!!

DAI 18 MESI IN SU:

In bagno si possono fare travasi semplici con l’acqua.
Questa attività incentiva l’esplorazione di un materiale attraverso la scoperta delle sue caratteristiche e del suo potenziale. Inoltre, favorirà la concentrazione e il coordinamento oculo-manuale.

Ecco di cosa avrete bisogno:

  • un tappetino,
  • due bacinelle ma solo una contenente acqua,
  • un mestolo, un bicchiere e una ciotola. (Gli permetterà di sperimentare diversi strumenti)
  • lasciate libero il bimbo di giocare e di bagnare e bagnarsi.

DAI 30 MESI IN SU:

In giardino potrete insegnare a vostro figlio a raccogliere le foglie. Questa attività favorirà il coordinamento tra arti inferiori e superiori, la concentrazione e l’esecuzione di un compito complesso. Li aiuterà anche all’educazione ambientale.

Anche in questo caso avrete bisogno di alcuni strumenti:

  • un contenitore (un secchiello o una carriola) posizionato in un punto del giardino;
  • un rastrellino adatto all’età del vostro bambino con il quale ammucchiare le foglie in un punto di raccolta;
  • insegnategli a raccogliere le foglie con due mani e a metterle dentro il contenitore.

DAI 7 ANNI IN SU:

Se il vostro bimbo è già grandicello potete promuovere la sua autonomia attraverso l’esecuzione di una procedura complessa ed educarlo alla socialità e alla responsabilità in ambito alimentare. Come? Per esempio, facendo la pizza! Ecco le fasi che dovrete seguire:

  • scrivete insieme la ricetta con i passaggi e le dosi (scrivetele in modo semplice – es: 5 grammi corrispondono a un cucchiaino);
  • fate indossare il grembiule al bambino;
  • disponete gli ingredienti e l’occorrente sul tavolo;
  • permettete al bambino di seguire in autonomia la ricetta.

Buona attività!

Prima in un modo e poi in un altro, [il bambino] diventa sempre meno dipendente dalle persone che lo circondano; fino al momento in cui vuole anche essere mentalmente indipendente. Quindi mostra una propensione a sviluppare la propria mente con le proprie esperienze e non con quelle degli altri” (Maria Montessori, The Absorbent Mind, p.91).

Condividi questo post

Forse ti interessa anche..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.