Prendere il sole in gravidanza: consigli e creme solari

Prendere il sole in gravidanza: consigli e creme solari

Abbronzarsi un tempo era considerato in assoluto salutare, si faceva il carico di vitamina D. Oggi, il sole va preso con massima attenzione ma sapendone sfruttare le sue ineguagliabili qualità. Se sei incinta, prendere il sole in gravidanza potrebbe sembrarti impossibile ma invece si può.

Come non rinunciare, anche in gravidanza, a una bella tintarella evitando di danneggiare il bimbo che si sta sviluppando? In questo articolo vedremo alcuni suggerimenti che vi permetteranno di prendere il sole in gravidanza in tutta sicurezza! Sono sempre stata un’appassionata del sole e anche incinta ho sempre avuto un’abbronzatura invidiabile ma senza mai esagerare.

Prendere il sole in gravidanza: i rischi

Oltre ai rischi comuni a tutte le persone, come scottature e tumori della pelle, prendere il sole in gravidanza può farne insorgere altri.

  • L’esposizione al sole può aumentare la temperatura interna della donna incinta provocando una maggiore disidratazione. Essere disidratate può causare i sintomi di un parto pretermine.
  • Prendere il sole in gravidanza può aumentare la temperatura del feto, e può causare danni anche gravi. Questo avviene però solo in casi estremi e mi auguro che nessuna donna incinta possa pensare di restare una giornata intera sotto il sole.

Come prendere il sole in gravidanza in sicurezza

Ci sono alcuni accorgimenti che vi permetteranno di abbronzarvi in tranquillità. Vediamoli insieme

  • Scegliete le ore in cui esporvi al sole. Di solito vanno evitate le ore dove l’intensità del sole è più elevata (dalle 11 del mattino alle 16 del pomeriggio). Usate questo tempo per fare un benefico riposino e rilassarvi.
  • Fate uso di creme solari bio protettive. I primi 15 minuti si esposizione potete anche restare senza crema, così da assorbire la vitamina D. Passato questo tempo, anche a seconda del tipo di pelle, spalmate una buona crema solare su tutto il corpo. Proteggete bene anche le parti coperte dal costume, soprattutto il seno. La gradazione della protezione dipenderà dal vostro fototipo ma è meglio non scendere sotto i 30 spf. Ripetete spesso l’applicazione della crema.
  • Idratatevi spesso bevendo abbondantemente. Anche se non sentite lo stimolo della sete bevete spesso e soprattutto bevete acqua. Se non amate particolarmente il sapore dell’acqua potete renderlo più gustoso aggiungendo qualche goccia di limone.
  • Indossate abiti larghi e leggeri per coprire la pelle durante le passeggiate sul lungomare o in montagna. Preferite il cotone o lino che sono più freschi.
  • Indossate cappelli e occhiali da sole per proteggervi gli occhi e soprattutto il capo da possibili attacchi di calore.

Creme solari in gravidanza: quali scegliere

Si deve essere consapevoli che la pelle assorbe. Tutte le donne fanno uso di creme per il viso e per il corpo perché promettono di rendere la nostra pelle più bella. Ma attenzione, questi miracoli avvengono quasi sempre grazie all’uso di sostanze chimiche. Se ogni giorno usiamo creme potenzialmente tossiche, con parabeni e conservanti, dopo anni sarà quasi logico ritrovarsi a fare i conti con qualche problema più grave.

Se siete convinte che sia la cosa giusta da fare, andate pure avanti così. Ma se avete qualche dubbio e vorreste capire se è possibile usare prodotti migliori, più naturali, allora continuate a leggere 😉

La scelta delle creme solari in gravidanza deve essere più attenta che mai. Perché, tutto ciò che ingeriamo o spalmiamo può passare dalla mamma al feto.

Da quando sono rimasta incinta della mia prima figlia, ho cambiato tutte le mie abitudini a riguardo ed ho iniziato ad utilizzare solo creme naturali fra cui anche creme solari biologiche che poi uso anche per le bambine. Essendo una mamma un po’ pignola, negli anni ho ricercato tutte le marche di creme solari bio adatte ai bambini, alle donne in gravidanza e perché no a tutta la famiglia. In fondo basterà spendere qualche euro in più, senza svenarsi, e avere la certezza di non intossicare la pelle dei nostri piccoli e anche la nostra.

Leggi anche: vitamina D e bambini

Se volete controllare la composizione delle creme o dei cosmetici che usate per capire se hanno sostanze tossiche, potete consultare il sito saicosatispalmi.org.

Autoabbronzanti in gravidanza: sì o no?

Che dire dei prodotti autoabbronzanti? Anche se molto pubblicizzati, sono davvero adatti per le donne in gravidanza?
Sinceramente, i prodotti commerciali sono sempre pieni di molte sostanze chimiche che seppur contenute entro i limiti di legge, sono certamente poco sane.

Il mio consiglio spassionato è di evitare il più possibile creme chimiche e autoabbronzanti in gravidanza. Se proprio siete invitate ad una cerimonia e volete presentarvi colorite allora per un giorno potrete fare uno strappo alla regole. In linea di massima sarà molto meglio prendere il sole in gravidanza, con cautela ma facendo scorte di vitamina D così preziosa per il nostro organismo.

Gruppo Facebook

Condividi questo post

Forse ti interessa anche..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.