Toxoplasmosi in gravidanza: pericoli per il feto e come evitare il contagio

Toxoplasmosi in gravidanza: pericoli per il feto e come evitare il contagio

La gravidanza è un periodo unico e bellissimo, sentire che dentro di sè sta nascendo una nuova vita è una sensazione meravigliosa. Naturalmente questa nuova creatura va protetta da tutti i pericoli, tra cui anche il contagio da Toxoplasmosi in gravidanza. Cos’è questa infezione? Come si può prendere? Quali sono i rischi per il nascituro? E quali comportamenti adottare per evitare il contagio? Scopriamolo insieme.

Toxoplasmosi: cos’è e quali rischi comporta negli esseri umani

La toxoplasmosi è un’infezione comune causata da un parassita: il Toxoplasma gondii. Si sviluppa all’interno di alcuni animali, come i gatti, e può quindi infettare altri animali o esseri umani.

Molte persone sono state infettate da questo parassita senza nemmeno accorgersene in quanto, nelle persone che hanno un sistema immunitario sano, i sintomi sono stati assenti o molto lievi (mal di testa, mal di gola, linfonodi ingrossati).

Perché occorre prestare più che la solita attenzione quando si è in dolce attesa? Perché la donna incinta che sviluppa l’infezione può trasmetterla al proprio bambino. Ciò può causare al bambino lo sviluppo di gravi difetti alla nascita.

Per sapere se si ha avuto l’infezione, un semplice esame del sangue sarà sufficiente. La presenza delle immunoglobluline G (IgG) mostrerà che la persona ha già contratto l’infezione in passato e, pertanto, ne è immune. Non esiste la possibilità di essere contagiate una seconda volta.

Se gli esami del sangue non mostrano la presenza delle immunoglobuline significa che non siamo mai entrate in contatto con il parassita e che quindi  esiste un potenziale rischio d’infezione; per questo è opportuno adottare determinati comportamenti.

Leggi anche… Amniocentesi: molecolare o cellulare, tutto ciò che vorresti sapere

Test DNA fetale: cosa c’è di diverso rispetto all’amniocentesi?

Perché è pericolosa la toxoplasmosi in gravidanza

Se l’infezione giunge al feto potrebbero esserci seri rischi. Si potrebbero manifestare anche in seguito, quando il bambino sarà già cresciuto. Tra i più comuni ci sono:

  • problemi visivi, cecità,
  • danni cerebrali.

Va comunque detto, anche per tranquillizzare le future mamme, che alcuni bambini che erano stati infettati dal parassita sono nati perfettamente sani. Il rischio comunque esiste, per cui non si può essere superficiali.

Se durante la gravidanza, gli esami del sangue dovessero rivelare la presenza del parassita, allora si dovrà prendere un antibiotico per tutta la durata della gravidanza onde evitare che raggiunga il feto.

Come evitare il contagio da toxoplasmosi

I modi più comuni per contrarre la toxoplasmosi sono mangiare carne cruda, prodotti contaminati o inalare microscopiche cisti o spore di toxoplasmosi.

Va detta, però, una cosa importante: se non siamo mai venute a contatto con il parassita è perché le nostre abitudini (alimentari e non) probabilmente sono già buone e hanno eliminato i possibili veicoli di contagio.

Detto questo, quali comportamenti adottare per ridurre il rischio di infezione? Ecco una lista!

  • mangiare carne cotta,
  • lavare a fondo verdure e frutta crude usando un antibatterico naturale come il bicarbonato di sodio,
  • lavarsi accuratamente le mani dopo aver maneggiato carne o verdure crude,
  • pulire accuratamente tutte le superfici, piani di lavoro che sono venuti in contatto con la carne fresca o verdure,
  • evitare affettati come il prosciutto crudo (la mortadella e il prosciutto cotto dovrebbero essere meno rischiosi in quanto già cotti),
  • evitare viaggi nei paesi in via di sviluppo con un’alta prevalenza del parassita del toxoplasma, come il Sud America,
  • lavare le mani che entrano a contatto con la terra,
  • evitare il contatto con gatti randagi,
  • utilizzare guanti e mascherina quando si pulisce la lettiera del gatto (se non abbiamo già scartato la possibilità che sia affetto da toxoplasmosi) o, ancora meglio, se possibile, farla pulire a qualcun altro,
  • se si ha un gatto, cambiare la lettiera ogni due giorni e lavare periodicamente la lettiera con acqua bollente e candeggina (come tenere pulita la casa se hai un animale domestico),
  • se possibile, tenere l’animale domestico in casa e non dar loro da mangiare carne cruda.

Mettendo in pratica queste misure precauzionali, non solo quando desideriamo concepire o siamo incinte ma quotidianamente, staremo in salute noi e anche il nostro bambino. La toxoplasmosi in gravidanza e non, non è così facile da prendere.

E’ importante quindi vivere questo momento unico con serenità e non con il terrore di venire contagiate: buone abitudini igieniche e visite regolari dal ginecologo monitoreranno l’andamento della gravidanza in modo che ogni cosa vada per il meglio.

Gruppo Facebook

Leggi anche...
Condividi questo post

Forse ti interessa anche..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.